CCIAA di Taranto
 
 
  
 

 

CCIAA di Taranto - Newsletter


 Anno 2, Numero 21

10 giugno 2009

Ephemeris

Dal Sistema:
L’Usura tra prevenzione e solidarietà - Convegno
La Prefettura di Taranto, la Direzione territoriale dell’economia e delle finanze di Lecce e la Camera di commercio di Taranto organizzano per domani 11 giugno 2009 a partire dalle ore 9.30 presso la Sala Nicola Resta del Centro Congressi della Cittadella delle imprese di Taranto il convegno "L’Usura tra prevenzione e solidarietà".


PROGRAMMA

9.30 Saluto Autorità
Dott. Roberto Falcone, Commissario C.C.I.A.A. Taranto
Dott. Ippazio Stefàno, Sindaco Comune Taranto
Dott. Giovanni Florido, Presidente Provincia Taranto
Dott. Francesco Sebastio, Procuratore della Repubblica del Tribunale di Taranto

10.00 Introduzione ai lavori
Dott. Alfonso Pironti, Prefetto di Taranto

10.30 Interventi
Avv. Nino Dello Preite, Direttore della Direzione Territoriale dell’Economia e delle Finanze di Lecce - "Decentramento delle funzioni di monitoraggio sull’attività dei Confidi:efficacia dell’intervento preventivo e ruolo delle Direzioni Territoriali".
Avv. Ugo Forello, Componente Comitato di Solidarietà per le vittime dell’estorsione e dell’usura - Fondo di solidarietà per le vittime dell’usura -
Dr. Alessandro Messina Responsabile Settore Crediti Retail - ABI Roma - "Il sistema bancario e la prevenzione dell’usura"

Testimonianze del territorio
Dott. Giuseppe Sebastio Presidente Società di garanzia fra commercianti
- "L’esperienza dei Confidi e la prevenzione usura".
Dott. Francesco Marangi, Presidente Consorzio Interfidi - "Antiusura e sistema delle imprese"
Don Nino Borsci Direttore Caritas Diocesana Taranto - "L’incidenza dell’usura sulle famiglie tarantine"

12.00 Considerazioni conclusive
Dr. Antonio Adinolfi, Dirigente Ufficio III - Direzione V Ministero del Tesoro
Dr. Giosuè Marino, Prefetto Commissario Straordinario per le iniziative antiracket ed antiusura

Segreteria organizzativa: Prefettura di Taranto, tel. 0994545541

Focus su:
Il marchio, uno strumento che  migliora l’immagine ed aumenta la competitività delle imprese.

La tutela della proprietà intellettuale (PI) nell’economia attuale vede imprese di levatura mondiale impegnate nella costante azione di tutela del marchio aziendale e del nome di dominio. Il marchio, così come i brevetti e i disegni industriali, rientra nella cosiddetta proprietà intellettuale  che, di fatto, è ciò che permette alle imprese di beneficiare in esclusiva dei risultati della loro creatività>>> Leggi tutto
Info: Camera di commercio - Taranto Ufficio Marchi e Brevetti, tel. 099 778 3048 - 3031 - 3039

INFO

PEC: area.promozione@ta.legalmail.camcom.it
Centralino: (+39) 099 778 3111
Call Center: 199 172310

PEC Registro Imprese Tarantoregistroimprese@ta.legalmail.camcom.it

ESAZIONI DIRITTO ANNUALE 2009, AL VIA I VERSAMENTI CON MODELLO F24

Sono in distribuzione da diversi giorni le informative a tutte le imprese iscritte o annotate al Registro delle Imprese tenuto da questa Camera di commercio in relazione alla prossima scadenza del pagamento del diritto annuale 2009, giusto il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 30.04.2009 (pubblicato in G.U. n. 114 del 19.05.2009),  che - come ogni anno -  ha fissato gli importi dovuti a titolo di diritto annuale.
Già dal 2008 è entrata pienamente in vigore la riforma del diritto annuale caratterizzata dal pagamento in misura fissa del diritto annuale dovuto da alcuni soggetti (tutte le imprese iscritte nella  sezione Speciale del Registro delle imprese, con importi differenziati per tipologia, e le unità locali e sedi secondarie delle società con sede legale all’estero) ed in misura proporzionale al fatturato dell’esercizio precedente, sulla base di scaglioni predefiniti, per le imprese tutte iscritte in sezione Ordinaria. Il Ministero Sviluppo Economico con nota circolare n. 19230 del 3.03.2009 ha dato indicazioni circa le nuove modalità di calcolo e arrotondamento da adottare a partire dal versamento del diritto annuale 2009, nonché sull’individuazione della base imponibile (fatturato) per le imprese iscritte nella sezione ordinaria, indicando dettagliatamente i righi da utilizzare in relazione ai quadri IRAP utilizzati. Ritenendo di fare cosa gradita si allega alla presente una guida completa con importi, termini e modalità di versamento, e si comunica che - in linea sul sito - é anche disponibile un foglio di calcolo per l’auto- liquidazione dell’importo dovuto dalle imprese sia in sezione ordinaria che in sezione speciale.
Per problematiche particolari, o semplicemente per la verifica della situazione pregressa - anche al fine di definire annualità precedenti omesse e non ancora contestate -  l’Ufficio delle Entrate è a disposizione delle imprese, dei professionisti e delle Associazioni di categoria, eventualmente su appuntamento, oltre che nei normali orari di sportello (tel. 099/7783150-3129-3174, fax 099/7783042 e-mail:dirittoannuale@ta.camcom.it).
Di seguito si riporta il prospetto sintetico degli importi previsti dal D.M. 30.04.2009.

SEZIONE SPECIALE    (imprese già iscritte e di nuova iscrizione 2009)

Nature giuridiche

Sede

Unità locale

Imprese individuali  (piccoli imprenditori, artigiani, coltivatori diretti e imprenditori agricoli)

88,00

17,60 (*)

Società semplici agricole

88,00

17,60 (*)

Società semplici non agricole

144,00

28,80 (*)

Società tra avvocati (art. 16 Dlgs n. 96/2001)

170,00

34,00 (*)

SEZIONE ORDINARIA (imprese già iscritte)

Tutte le imprese iscritte nella sezione ordinaria del Registro delle Imprese, senza  alcuna distinzione di forma giuridica, e quindi a puro titolo esemplificativo imprese individuali (imprenditori commerciali), società cooperative, consorzi con attività esterna, società di mutuo soccorso, società di persone (S.N.C. e S.A.S.),- società di capitali ( SRL, SPA, SAPA, Soc. CONSORTILI p.a. e a r.l.), Enti economici pubblici e privati, Aziende speciali, GEIE, ecc.
Il diritto è determinato per la sede legale applicando al fatturato  dell’esercizio 2008 UNICO 2009 quadri IRAP individuati con nota n. 19230 del 3.03.2009  le seguenti misure fisse o aliquote per scaglioni di fatturato

Scaglioni di fatturato

da euro                                                                       a euro

Aliquote

                           0,00      

  100.000,00

200,00 €
(misura fissa)

   oltre      100.000,00

  250.000,00

0,015%

   oltre      250.000,00

  500.000,00

0,013%

   oltre      500.000,00

 1.000.000,00

0,010%

oltre      1.000.000,00

10.000.000,00

0,009%

oltre    10.000.000,00

35.000.000,00

0,005%

oltre    35.000.000,00

50.000.000,00

0,003%

oltre    50.000.000,00

 

             0,001% (fino ad un massimo di € 40.000)

unità locali e sedi secondarie già iscritte al 31.12.2008

(*) 20% del diritto dovuto dalla sede (con arrotondamento ai cinque decimali) fino a massimo € 200,00 per ogni unità locale

unità locali e sedi secondarie di società con sede principale all'estero

€ 110,00

SEZIONE ORDINARIA (imprese di nuova iscrizione 2009)

Nature giuridiche

Sede

Nuove unità locali, che si iscrivono nel corso del  2009

Imprese individuali, società di persone (snc - s.a.s.), società di capitali (s.r.l. - s.p.a. - s.a.p.a. - soc. cons. p.a. e a r.l.), consorzi, cooperative, GEIE, Enti pubblici economici, e tutte le altre forme giuridiche presenti nella suddetta sezione

€ 200,00

€  40,00

Unità locale o sede secondaria di società con sede principale all’estero (art. 9 comma 2 lett. B)

 

€ 110,00

Scarica il Vademecum Diritto Annuale 2009

________________________________________________________________________________
a cura della Camera di commercio di Taranto / Area economico - promozionale


Documenta WORLDPASS Enterprise Europe Network

Interfidi

Borsa Merci Telematica Unimercatorum



Camera di commercio di Taranto - V.le Virgilio, 152 - 74121 Taranto Cod. Fisc. 80005050739 P.IVA 00413460734
 Visualizza le statistiche