SOGGETTI TENUTI AL PAGAMENTO

Sono tenuti al pagamento del diritto annuale (ai sensi dell'art. 18 della Legge n. 580/93 e s.m.i., e dei successivi decreti regolamentari D.M. n. 359/2001 sull'accertamento e D.M. n. 54/2005 sull'irrogazione delle sanzioni, nella sezione NORMATIVA) tutti i soggetti che al 1° gennaio di ogni anno sono iscritti o annotati nel Registro delle imprese e nel R.E.A. Repertorio delle notizie economiche ed amministrative, nonché gli stessi soggetti e imprese che si iscrivono nel corso dell'anno di riferimento.

IIl diritto annuale è dovuto alla Camera di commercio nella cui circoscrizione territoriale (territorio provinciale o interprovinciale per quelle Camere di commercio che hanno già concluso l'iter di accorpamento) è iscritta la sede dell'impresa, della società o del soggetto R.E.A. e le eventuali sedi secondarie e unità locali.
Le imprese che hanno unità locali o sedi secondarie situate in province diverse da quella della sede legale (c.d. pluri-localizzate) dovranno pagare il diritto annuale a ciascuna delle Camere di commercio competenti per territorio.

Allo stesso modo le imprese con sede legale all'estero dovranno pagare un diritto per ogni unità locale o sede secondaria iscritta ed esercente attività nel territorio italiano alla Camera di commercio di competenza.

I soggetti iscritti solo al R.E.A. (quali ad esempio le Associazioni, le Fondazioni, o le persone fisiche che non abbiano contemporanea iscrizione anche in una sezione del Registro delle imprese) non pagano somme aggiuntive per le eventuali unità locali iscritte.

Il diritto annuale è dovuto per anno solare, e non è frazionabile in rapporto alla durata di iscrizione nell'anno.

Ai sensi dell'articolo 18 della legge n. 580/1993, come modificato da ultimo dal D.Lgs. n. 23/2010:

  • versano in misura fissa: le imprese individuali (iscritte sia nella sezione speciale che in quella ordinaria del Registro delle imprese anche se con importi diversi) nonché tutti i soggetti iscritti esclusivamente al Repertorio delle notizie economiche e amministrative (R.E.A.) comprese le unità locali e sedi secondarie di società con sede all'estero

  • versano in misura commisurata al fatturato (dell'esercizio precedente): tutti gli altri soggetti.
    Per alcuni di questi soggetti però, quali ad esempio le società semplici e le società tra avvocati di cui al D.Lgs. n. 96/2001, è stato stabilito in via transitoria con D.M. 21/04/2011 (fissazione delle misure diritto annuale 2011) un importo comunque dovuto in misura predefinita (in attesa delle modifiche regolamentari necessarie a stabilire le modalità di verifica della capacità contributiva di tali soggetti).

Le imprese che trasferiscono la sede legale in altra provincia versano il diritto annuale dell'impresa solo a favore della Camera di commercio ove la sede legale è iscritta al 1° gennaio dell'anno di riferimento o alla diversa data se l'impresa è costituita successivamente.

Nel caso in cui nella provincia di provenienza venga mantenuta l'attività svolta presso la vecchia sede legale questa verrà iscritta come nuova unità locale e sarà pertanto tenuta al pagamento in misura fissa (con il termine di pagamento previsto per le nuove iscrizioni) eventualmente in aggiunta a quanto già dovuto dall'impresa se iscritta in quella provincia al 1/01/2017.

Si ricorda pertanto che occorre prestare particolare attenzione alle indicazioni che vengono fornite in sede di presentazione della domanda di iscrizione presso la nuova Camera di commercio nel riquadro in cui si indica la provenienza dell'impresa da un'altra provincia e l'eventuale mantenimento dell'attività nella provincia di provenienza.

Informazioni
- - - - - - - - -
Camera di commercio – Taranto
Ufficio delle Entrate

Viale Virgilio n. 152 – 74121 TARANTO
Tel. 099 778 3150 – 099 778 3129 - Fax diretto 099 778 3042
email: dirittoannuale@ta.camcom.it
sito: www.camcomtaranto.gov.it

orari di apertura al pubblico:
dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 11,00

Aggiornata al 23.06.2017