Camera Arbitrale
Servizio di Mediazione
Sportello di conciliazione


 

Camera Arbitrale

Camera arbitrale

 

La legge 29 dicembre 1993, n. 580, ha conferito alle Camere di commercio il compito di promuovere la costituzione di Commissioni arbitrali e conciliative per la risoluzione delle controversie tra imprese, tra imprese e consumatori ed utenti.

La Camera di commercio di Taranto ha istituito la Camera Arbitrale Nazionale di Taranto.

La Camera Arbitrale della Camera di commercio di Taranto, attraverso gli strumenti di composizione extragiudiziale dei conflitti quali l'arbitrato e la conciliazione, cerca di rispondere all'esigenza di una giustizia rapida ed efficiente per le imprese ed i cittadini. Si tratta di un servizio per la rapida definizione di controversie, alternativa alla giurisdizione ordinaria, con la nomina di professionisti con specifica competenza nella materia oggetto della controversia.


La Camera Arbitrale di Taranto

• organizza un servizio di arbitrato, di arbitraggio, di conciliazione e di perizia contrattuale;
• si propone di diffondere l’idea e l’uso dei metodi alternativi di risoluzione dei conflitti;
• organizza e promuove convegni ed ogni altra iniziativa culturale pertinente;
• svolge attività di studio volte ad approfondire i problemi pratici, tecnici e teorici dell’arbitrato e della conciliazione;
• predispone clausole compromissorie tipo;
• offre a chi ne faccia richiesta servizi di consulenza nonché servizi di assistenza in ricerche documentali sulle forme di giustizia alternativa.


La Camera Arbitrale ha durata indeterminata.

Gli organi di amministrazione della Camera Arbitrale di Taranto sono nominati dalla Giunta della Camera di commercio e sono:

  • Il Presidente: è una figura di comprovata esperienza, prestigio, autonomia ed indipendenza. Rimane in carica per un triennio ed è rieleggibile di triennio in triennio. Tra le funzioni più importanti, va ricordato soprattutto che il Presidente ha il fondamentale compito di provvedere alla nomina degli arbitri e conciliatori. Il Presidente della Camera Arbitrale convoca e presiede il Consiglio arbitrale, inoltre a lui spetta nominare il vice Presidente con funzioni vicarie della Camera Arbitrale
  • Il Consiglio Arbitrale è formato da 16 membri: oltre che dal presidente e dal vice presidente, consta di 14 componenti di cui 2 componenti di diritto quali il rappresentante dei consumatori in seno al Consiglio della Camera di commercio ed il Giudice Delegato alla vigilanza sull’Ufficio del Registro delle Imprese e 12 consiglieri nominati dalla Giunta camerale di cui 9 in rappresentanza degli Ordini professionali e 3 in rappresentanza delle categorie economiche. Il Consiglio arbitrale ha la facoltà di emanare regolamenti, circolari, ed ogni altro documento operativo necessario al corretto funzionamento della Camera arbitrale, proporre modifiche dei regolamenti emanati; tali atti, tuttavia, dovranno essere sottoposti alla preventiva approvazione da parte degli organi camerali competenti (in caso di regolamenti competente è il Consiglio camerale).
  • Il Segretario della Camera Arbitrale: viene nominato dalla Giunta della Camera di commercio su designazione del Segretario generale. Il Segretario attua le deliberazioni del Consiglio arbitrale, redige i verbali delle sedute consiliari ed espleta una serie di funzioni amministrative che gli sono attribuite secondo i termini e le modalità disciplinate dal regolamento.

Aggiornata al 24.07.2009