D.O.P. “OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA TERRE TARENTINE”

Olio extra vergine di oliva DOP "Terre tarentine" – La Camera di commercio di Taranto confermata struttura di controllo.

Con decreto 4683 dell'8 marzo 2016, la 'Direzione Generale per il riconoscimento degli Organismi di controllo e certificazione e tutela del consumatore' del 'Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali', in base alla conferma della 'Regione Puglia - Area politiche per lo sviluppo rurale - Servizio alimentazione', ha autorizzato la 'Camera di commercio industria artigianato e agricoltura di Taranto' quale struttura di controllo dell'olio extra vergine di oliva DOP 'Terre Tarentine'.

Tutta Europa è ricchissima di una immensa varietà di prodotti alimentari, molti dei quali di ottimo livello, conosciuti e apprezzati in tutto il mondo. La Comunità europea, già dal 1992, per tutelare e garantire la qualità di questi prodotti agroalimentari e per favorirne la loro promozione ha creato alcuni sistemi noti come D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta), I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta) e S.T.G. (Specialità Tradizionale Garantita).
La Denominazione di Origine Protetta (D.O.P.) identifica la denominazione di un prodotto la cui produzione, trasformazione ed elaborazione devono aver luogo in un’area geografica determinata e caratterizzata da una perizia riconosciuta e constatata, valorizzando altresì le caratteristiche tipiche e tradizionali delle zone da cui provengono tali prodotti. Questo, oltre a conferire un valore aggiunto ai prodotti a marchio D.O.P., tutela la qualità delle produzioni agroalimentari dalla concorrenza sleale in cui potrebbero incorrere una volta acquisita fama internazionale fungendo da vero e proprio diritto di proprietà intellettuale. L’Olio extravergine di oliva “Terre Tarentine” rientra in questa categoria di prodotti.
Il processo di tracciabilità (ovvero la possibilità di risalire a tutto il processo che ha portato un particolare alimento sulla tavola del consumatore), che rappresenta la condizione necessaria per garantire la qualità dei prodotti tipici locali, contribuisce all’arricchimento del valore del territorio e, in una logica di forte identità delle produzioni agroalimentari della Puglia, non si può certo sottovalutare la grande occasione concessa.
L’Olio extravergine di oliva “Terre Tarentine” mette in atto tutti i sistemi di controllo sull’intera filiera produttiva in modo da rendere certa la tracciabilità del prodotto stesso e garantirne l’alta qualità e genuinità. E’ ottenuto dalle varietà di olivo Leccino, Coratina, Ogliarola e Frantoio presenti da sole o congiuntamente, in misura non inferiore all’80% in percentuali variabili fra loro. Il restante 20% è costituito da altre varietà minori presenti negli oliveti della zona di produzione (comune di Taranto censito al catasto con la lettera “A”, Ginosa, Laterza, Castellaneta, Palagianello, Palagiano, Mottola, Massafra, Crispiano, Statte, Martina Franca, Monteiasi, Montemesola).
La Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Taranto, autorizzata ai sensi dell’articolo 14 della legge 526/1999 quale Organismo di controllo per il prodotto agroalimentare a Denominazione di Origine Protetta Olio extravergine di oliva “Terre Tarentine”, ha definito un Piano di controllo per lo svolgimento delle attività di verifica della conformità. Il piano descrive l’insieme dei controlli (Sistema) ai quali la filiera produttiva e il prodotto devono essere sottoposti affinché l’olio possa essere identificato come D.O.P. Olio extravergine di oliva “Terre Tarentine”. Il sistema dei controlli – così come disciplinato – è articolato nell’elenco degli oliveti, nell’elenco dei frantoi e nell’elenco dei confezionatori.
Sono assoggettati alle prescrizioni del Disciplinare di produzione e del Piano di controllo gli olivicoltori, frantoiani e confezionatori che concorrono alla produzione di una partita di olio che si vuole identificare come D.O.P. Olio extravergine di oliva “Terre Tarentine”.
I soggetti che intendono produrre olio D.O.P. “Terre Tarentine” dovranno far pervenire alla Camera di commercio le istanze di adesione al sistema dei controlli e adeguarsi alle prescrizioni previste nel Piano di controllo approvato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali. La Camera di commercio procederà, quindi, all’accertamento della conformità al Disciplinare ed al Piano delle coltivazioni, degli impianti e delle rispettive attività di tali soggetti.
Le istanze di adesione al sistema dei controlli dovranno essere inoltrate entro e non oltre il 30 giugno, utilizzando i moduli MODC1 (domanda d’iscrizione Elenco degli oliveti), MODC2 (domanda d’iscrizione Elenco frantoi) e/o MODC3 (domanda d’iscrizione Elenco confezionatori). La Camera di commercio iscriverà negli elenchi i soggetti che hanno presentato istanza, previa verifica dei requisiti strutturali di conformità al Piano di controllo. Le eventuali successive variazioni dei dati contenuti nella domanda dovranno, quindi, essere comunicate alla Camera di commercio entro 15 giorni dal loro verificarsi e comunque non oltre il 30 maggio di ogni anno. Qualora le variazioni dovessero riguardare gli elementi strutturali che hanno consentito il primo riconoscimento, verrà programmata una nuova visita ispettiva sul mantenimento dei requisiti.

Disciplinare di produzione Dop Terre tarentine

Informazioni
- - - - - - - - -
Camera di commercio – Taranto
Ufficio Agricoltura

sig.ra Angela Fanizzi     (Tel. 099 778 3162)
dr. Paride Gonzales     (Tel. 099 778 3165)

Fax: 049/2109797     email   pat@ta.camcom.it

Aggiornata al 12.05.2017