Funzioni della C.C.I.A.A. in materia di cancellazione dal registro informatico

A partire dal 27 dicembre 2000 sono state attribuite alla Camera di Commercio funzioni autonome in materia di cancellazione dal registro dei protesti.

La vigente normativa attribuisce al Dirigente Responsabile dell’Ufficio protesti della Camera di Commercio la competenza di procedere alla cancellazione del protesto dal registro nei seguenti casi:

– quando il debitore dimostri di aver effettuato il pagamento della cambiale o del vaglia cambiario unitamente agli interessi, alle spese per il protesto ed alle eventuali spese per il precetto ed il processo esecutivo entro 12 mesi dalla levata del protesto;
– quando gli ufficiali levatori o le aziende dei credito dichiarano di aver proceduto illegittimamente o erroneamente alla levata del protesto;
– quando l'interessato dimostri che il protesto è stato levato illegittimamente o erroneamente.

In caso di reiezione dell'istanza da parte del Dirigente o di mancata decisione sulla stessa nel termine previsto, l'interessato può ricorrere al Giudice di pace.

Lo sportello polifunzionale della Camera di Commercio è inoltre in grado di rilasciare visure dei protesti dell'ultimo quinquennio, con ricerca sull'intero territorio nazionale, e di fornire statistiche mensili sui protesti cambiari.

Informazioni
- - - - - - - - -
Camera di commercio – Taranto
Ufficio Protesti


Fax: 099 778.3180