Certificati Comunitari di Origine

Il certificato di origine è un documento che attesta l’origine delle merci destinate all’esportazione in via definitiva. In alcuni paesi permette di ottenere la riduzione o l’esenzione dei dazi doganali legati all’import.

Per il rilascio del certificato di origine deve essere presentato all’Ufficio Commercio estero l’apposito modulo corredato della seguente documentazione:

  • per le merci italiane di propria produzione – fattura di esportazione della merce, in originale o in copia, in ogni caso timbrata e firmata, contenente l’indicazione esplicita dell’origine delle merci;

  • per le merci italiane o di origine CE non di propria produzione – fattura di esportazione della merce, in originale o in copia, in ogni caso timbrata e firmata, fattura o DDT del fornitore della merce contenente l’indicazione esplicita dell’origine delle merci o sua dichiarazione su carta intestata timbrata e firmata;

  • per le merci estere di origine extra CE – fattura di esportazione della merce, in originale o in copia, in ogni caso timbrata e firmata, fattura estera di acquisto accompagnata da certificato d’origine estero in originale o bolla doganale e/o di altra documentazione atta a dimostrarne l’origine (originale in visione all’ufficio e copia da allegare alla domanda).

La richiesta di rilascio del certificato di origine deve essere sottoscritta dal titolare/legale rappresentante o da suo delegato: i poteri di rappresentanza nei confronti della Pubblica Amministrazione o comunque per quanto riguarda i documenti per l’estero devono essere registrati presso il Registro delle imprese competente.

Pertanto, la firma del richiedente dovrà essere depositata presso l’Ufficio Commercio estero attraverso la compilazione di un apposito modulo.

Altre Indicazioni

In base alle istruzioni della lettera di credito, dello spedizioniere o del destinatario della merce, è possibile che i certificati di origine o le fatture vistate dall’Ufficio debbano essere inviati alla rappresentanza consolare in Italia del Paese di destinazione delle merci per un ulteriore visto. Per ottenere tale legalizzazione è necessaria l’apposizione sul documento di un visto con il quale un funzionario camerale autorizzato legalizza la firma apposta dal funzionario camerale delegato sugli atti a valere sull’estero. Il visto di legalizzazione viene apposto dall’Ufficio Commercio estero su richiesta della ditta esportatrice contestualmente al rilascio dei certificati di origine e dei visti fattura.

Modulistica

Modulo per il Deposito della Firma

Modulo di richiesta di formulari per Certificato/i di Origine in bianco

Modulo per il rilascio a posteriori del Certificato di Origine

Normativa

Disposizioni ministeriali sul rilascio dei Certificati di Origine (Febbraio 1995)

Istruzioni per la compilazione dei Certificati di Origine

Informazioni
- - - - - - - - -
Camera di commercio – Taranto
Commercio estero

dr.ssa Carla Primicerj
dr. Alcide Bruschi

Tel.: 099 778.3111
Fax: 099 778.3092
P.E.C. cciaa.taranto@ta.legalmail.camcom.it

Aggiornata al 24.07.2013