Logo CCIAA


Diritto annuale 2018: al via i pagamenti.

 

Nei prossimi giorni arriveranno alle caselle di Posta Elettronica Certificata depositate al registro delle imprese le informative relative al pagamento del diritto annuale 2018.

Nessuna informativa cartacea verrà più inviata ad alcuno dei soggetti iscritti al Registro delle imprese ed al Repertorio delle Notizie Economiche ed Amministrative tenuti dalla Camera di commercio di Taranto, mentre al fine di essere di supporto al pagamento (ovviando alle problematiche legate alla numerosità delle unità locali ed alle maggiorazioni autorizzate alle diverse Camere di commercio italiane) è disponibile anche per quest'anno il sito nazionale di calcolo e pagamento del diritto annuale 2018 il cui link di accesso è già presente sul portale del sito istituzionale della Camera di commercio di Taranto www.camcomtaranto.gov.it, nel quale saranno presenti anche i consueti contenuti informativi, nonché il foglio di calcolo abitualmente messo a disposizione.

Dal sito (http://dirittoannuale.camcom.it/cada-new/IT/dira.htm) è ancora possibile, oltre che procedere al calcolo e al pagamento del diritto annuale 2018 (anche direttamente on-line tramite la piattaforma PAGO PA), provvedere alla sanatoria dell'eventuale diritto annuale 2017 ancora omesso, con la procedura del ravvedimento operoso, sino al termine di scadenza (un anno dal termine ordinario di versamento).

Il sito, oltre a ridurre al minimo la possibilità di commettere errori, consente di ottenere la risultanza del calcolo direttamente al proprio indirizzo di posta elettronica. L'accesso sarà possibile da parte di tutte le imprese senza necessità di autenticazione, mentre sarà sufficiente indicare il proprio Codice Fiscale e la casella P.E.C. o e-mail per la ricezione in automatico delle risultanze del calcolo e dell'eventuale ricevuta di versamento nel caso di pagamento con il sistema PAGO PA. Per i soggetti che non hanno l'obbligo di dichiarazione della P.E.C. basterà indicare una casella di posta elettronica non certificata.

Si ricorda che ai sensi dell'art. 28 comma 1 del D.L. n. 90/2014 convertito con modificazioni nella legge n. 114/2014, nelle more del riordino del sistema delle Camere di commercio, l'importo del diritto annuale, come determinato per l'anno 2014 (D.M. 21 aprile 2011 "Determinazione delle misure del diritto annuale 2011" confermato anche per le annualità sino al 2014) ha subito una riduzione percentuale progressiva del 35% per l'anno 2015, del 40% per l'anno 2016 e a decorrere dall'anno 2017 del 50%.

Ai sensi dell'art. 18 comma 10 della Legge n. 580/1993 e s.m.i. per il finanziamento di programmi e progetti presentati dalle Camere di commercio, condivisi con le Regioni ed aventi per scopo la promozione dello sviluppo economico e l'organizzazione di servizi alle imprese il Ministero dello Sviluppo Economico, valutata la rilevanza del programma o del progetto nel quadro delle politiche strategiche nazionali, può autorizzare l'aumento della misura del diritto annuale fino ad un massimo del 20%.

Con decreto del 22.05.2017 (pubblicato in G.U. n. 149 del 28.06.2017) il Ministero ha autorizzato la Camera di commercio di Taranto per il triennio 2017-2018-2019 all'incremento percentuale del 20% della misura del diritto annuale (rispetto alle misure derivate dall'applicazione del D.L. n. 90/2014 convertito con modifiche nella Legge n. 114/2014) giusta delibera del Consiglio camerale della Camera di commercio di Taranto n. 3 del 28/03/2017. Tale incremento serve a finanziare i due progetti autorizzati che riguardano il "Punto Impresa digitale" e il "Servizio di orientamento al Lavoro ed alle Professioni".

Tale incremento mantiene, pertanto, invariate - rispetto al 2016 ed al 2017- le misure fisse e predefinite dovute per i soggetti iscritti al REA, per le imprese individuali e per tutti gli altri soggetti iscritti nella sezione speciale. Analogamente - a parità di fatturato e di altre variabili quali le unità locali – anche le misure fisse e gli scaglioni per le imprese iscritte nella sezione ordinaria permangono sostanzialmente invariati rispetto a quelli stabiliti già per il 2016 e il 2017.

La novità di quest'anno riguarda essenzialmente il termine di versamento, che per la maggioranza dei soggetti ha una proroga per così dire "incorporata".

Ricordiamo che Il pagamento del diritto annuale per tutte le imprese (e le relative unità locali) nonché i soggetti R.E.A. già iscritti al 1.01.2018, deve avvenire, in unica soluzione, con le modalità previste dal capo III del D.Lgs. 9/07/1997, n. 241, entro il termine previsto per il pagamento del primo acconto di tali imposte (termine stabilito dall'art. 17 comma 3 lettera a) del D.P.R. 7/12/2001 n. 435 e s.m.i.) che si versa entro gli stessi termini di pagamento del saldo della dichiarazione dei redditi e IRAP (art. 17 comma 1 D.P.R. n. 435/2001 e s.mi.).

I termini sono i seguenti:

  • Persone fisiche, società di persone, società semplici o associazioni di cui all'art. 5 T.U. imposte redditi (DPR n. 917/86): entro il 30 giugno dell'anno di presentazione della dichiarazione dei redditi e IRAP. Nel 2018 questo termine cade di sabato e quindi slitta al 2 luglio 2018.

  • Persone giuridiche:
    1. entro l'ultimo giorno del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d'imposta per le persone giuridiche sia con periodo di imposta coincidente con l'anno solare sia con periodo d'imposta non coincidente con l'anno solare (c.d. esercizi a cavallo) il cui termine di approvazione del bilancio è fissato entro i 4 mesi dalla chiusura dell'esercizio;
    2. entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di approvazione del bilancio per i soggetti che, in base a disposizioni di legge, approvino il bilancio oltre il termine di 4 mesi dalla chiusura dell'esercizio (sia con periodo di imposta coincidente con l'anno solare, che non coincidente, c.d. "esercizi a cavallo");
    3. se il bilancio non è approvato nel termine stabilito, il base alle disposizioni di legge di cui al periodo precedente, il versamento deve essere comunque effettuato entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di scadenza del termine stesso.

Ai sensi dell'art. 17 comma 2 del D.P.R. n. 435/2001 e s.m.i. i versamenti di cui al 1 comma possono essere effettuati entro il trentesimo giorno successivo ai termini sopra indicati, maggiorando le somme da versare dello 0,40% di interesse corrispettivo (con arrotondamento dell'importo al centesimo di euro da versare sullo stesso codice tributo 3850 in aggiunta al diritto annuale già dovuto ed espresso in unità di euro).

Nel 2018 tutti i termini ordinari di versamento che cadono il 30 giugno sono prorogati di diritto al 2 luglio 2018 (il 30 giugno è un sabato), va da se che il successivo termine di 30 giorni entro cui versare con l'incremento dello 0,40% di interesse corrispettivo (il rif. è all'art. 17 comma 2 DPR n. 435/2001 e s.m.i.) cade il 1 agosto 2018 (giusta risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 128/2007).

A questo punto si applica altresì un'ulteriore proroga, prevista dall'art. 37 comma 11 bis del D.L. n. 223/2006 convertito in Legge n. 248/2006 (termine stabilito a partire dal 29/04/2012 dall'art. 3-quater del D.L. 2/03/2012 n. 16 convertito con modifiche nella Legge n. 44/2012), che dispone il differimento al 20 agosto, senza ulteriori maggiorazioni di interessi, dei termini per effettuare i versamenti, tramite modello F24, che scadono nel periodo dal 1 agosto al 20 agosto di ogni anno.

Per effetto di tale proroga (riferita al versamento di somme con modello F24 relative agli artt. 17 e 20, comma 4, del D. Lgs. n. 241/1997) si determina quindi l'ulteriore differimento di venti giorni del termine di versamento con la maggiorazione dello 0,40% di interesse corrispettivo che quindi - in questi casi - andrà di diritto al 20 agosto 2018.

Per qualsiasi ulteriore informazione e chiarimento è possibile visionare la Guida completa al versamento del diritto annuale 2018 in linea sul sito della Camera o contattare l'Ufficio diritto annuale con mail o tramite telefono ai contatti sotto indicati.


Per info:
- - - - - - - - -
Camera di commercio – Taranto Ufficio delle Entrate

Viale Virgilio n. 152 74121 TARANTO
Tel. 099 778 3150 – 099 778 3129 - Fax diretto 099 778 3042
email: dirittoannuale@ta.camcom.it
orari di apertura al pubblico:
dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle 11,00