Esce oggi il bando per il sostegno allo start up di microimprese realizzate da soggetti svantaggiati.
Aiuti fino a 400mila euro per tre anni.
(Comunicato stampa della Regione Puglia)

Un bando da 43milioni di euro per donne, giovani, disoccupati, lavoratori in procinto di perdere il posto, cassaintegrati, ragazzi di “Bollenti Spiriti”, precari. È l’avviso per lo “Start up” di microimprese realizzate da soggetti svantaggiati, l’unico che permette, non ad un’azienda ma ad un privato cittadino, di uscire dalle difficoltà mettendosi in proprio, una sorta di passaporto verso una svolta esistenziale che può rivelarsi risolutiva soprattutto in tempi di crisi. Si tratta del bando più atteso della manovra anticrisi, perché è il più potente incentivo del genere in Italia. Mette a disposizione fino a 400mila euro per ogni microazienda, di questa somma 150mila euro potranno essere spesi per investimenti, acquisto di locali, suoli, strumenti e attrezzature e 250mila per i costi di funzionamento di un’impresa, dunque stipendi, affitti, leasing, bollette. Il tutto per tre anni di esercizio. Non era mai avvenuto fino ad oggi che si potessero agevolare anche questo genere di spese. L’incentivo in pratica funziona come una specie di maxi prestito d’onore a favore di disoccupati e precari, ma che si lega anche alle politiche di imprenditorialità femminile e giovanile, che permette il sostegno dei cassaintegrati intenzionati ad uscire dall’azienda, che valorizza i giovani di Bollenti Spiriti perché mettano in piedi un’attività propria. Inoltre tutti gli aiuti previsti per il commercio sono destinati a quelle aree confluite o che potevano confluire nelle Zone Franche urbane per situazioni di disagio. Questa è una novità di grande rilievo: il Governo infatti ha istituito la categoria delle “Zone Franche” ma ne ha riconosciuti i benefici solo per tre, Foggia, Taranto ed Andria. La Regione invece estende l’incentivo a tutte quante le “Zone Franche”, allargando le agevolazioni nella quantità e agendo più velocemente. Si calcola che il bando “Start up” svilupperà in totale investimenti e spese di funzionamento per 90 milioni di euro, con un’iniezione di fondi pubblici pari a 43milioni.
L’avviso sarà in vigore da oggi 28 maggio con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, mentre le domande potranno essere presentate a partire dal 22 giugno, secondo la modalità a sportello, cioè senza una scadenza ma fino ad esaurimento fondi. L’utente sarà accompagnato nella compilazione della domanda perché riempirà il modulo on line collegandosi al portale www.sistema.puglia.it alla pagina “bandi attivi – Start up” e sarà il sistema a generare la domanda in pdf sulla base dei dati inseriti. L’aspirante imprenditore dovrà poi stamparla e spedirla allegando tutta la documentazione richiesta.
Per chiarimenti in ordine al bando,si prega di telefonare ai numeri sottoelencati e prenotare un appuntamento nei nostri uffici.

Scheda riassuntiva

Informazioni
red
Camera di commercio – Taranto
“i” come impresa

Sportello Camera di Commercio - Regione Puglia

P.E.C.
 cciaa.taranto@ta.legalmail.camcom.it
 
dr. Giuliano De Angelis   Tel. 099 778 3031 giuliano.deangelis@ta.camcom.it
Barbara Saltalamacchia  Tel. 099 778 3030 barbara.saltalamacchia@ta.camcom.it
dr.ssa Egle Cavallo Tel. 099 778 3177 cpa.ta@regione.puglia.it
  Fax 099 7783046